Le mosse dopo il voto: Recovery Fund al Pd e la lunga strada per la legge elettorale

Dopo la vittoria del Si al Referendum sul taglio dei parlamentari ed i risultati positivi per Nicola Zingaretti nelle Regioni al voto, numerose sono le ipotesi sulle prossime mosse scacchistiche del PD e Movimento 5 Stelle. Le forze di Governo devono trovare nuova linfa alla propria opera nel Paese e sia Di Maio che Zingaretti vogliono tenere le redini del programma. Il Pd vuole rendere più incisiva la propria azione abbattendo i continui no e stop del M5S, quest'ultimi invece vogliono certezze sulla prosecuzione della legislatura nonché puntare ancora sulla lotta alla casta.

L’emergenza è ancora tale se permanente?

Il Governo ottiene in Parlamento i voti necessari alla proroga dello stato di emergenza fino al 15 Ottobre. Ma cosa comporta tale proroga? Cos'è lo stato di emergenza? E' un pericolo per la democrazia? Chiariamo insieme i dubbi e cerchiamo di riflettere sui passaggi delle istituzioni, al di là della becera opposizione parlamentare.

Nubifragio: la città dello scarica barile

Chi vuol esser lieto sia, di doman non c'è certezza. "Il copione è bello che pronto ed ogni parte in commedia ha recitato magistralmente il proprio monologo, l'arte dello scaricabarile. Che sia la politica, i dirigenti dell'amministrazione, la regione, la protezione civile, i vigli urbani, le partecipate, ognuno sa tutto e non sa nulla, danzano in un valzer tutti insieme appassionatamente tra un'accusa qui ed accusa là, tutti colpevoli e nessun colpevole." Gli scudi di Orlando, l'ipocrisia di Musumeci e l'ignavia cittadina.

Zingaretti deve interpretare una nuova fase per tenere il partito unito

Il Segretario del Partito Democratico è sotto attacco e, tanto per cambiare, si tratta di fuoco amico. E' il Sindaco di Bergamo Giorgio Gori a rompere gli indugi con un'intervista a Repubblica senza mezzi termini: serve un cambio di passo e una nuova leadership. Serrata di scudi in difesa del Segretario ma il dibattito è aperto. E' il ritorno nel PD di intrighi, tradimenti e cospirazioni?

10 ragioni per la sconfitta del Labour

Brexit, periferie e attacchi al Leader Jeremy Corbyn. Queste alcune delle parole chiave che risuonano nell'analisi della sconfitta del partito Laburista. Il Labour aveva incaricato una commissione indipendente composta da parlamentari, leader sindacali, funzionari e attivisti di redigere un documento che analizzasse le ragioni della debacle elettorale. I risultati della commissione denominata Labour Together sono stati da poco pubblicati con 154 pagine di studio e raccomandazioni. Riportiamo qui i 10 punti fondamentali del documento individuati in un articolo del Guardian.

Lenzuoli bianchi. Il racconto sotto l’albero Falcone

Come è noto, da 19 giorni è cessato il lockdown e l’emergenza sanitaria ancora in atto impone il distanziamento sociale e vieta gli assembramenti. Per queste ragioni, quest’anno, nessun corteo ha riempito le strade di Palermo, nessuna nave della legalità è giunta al porto con migliaia di studenti da tutta Italia. Data l’impossibilità di sfilare in corteo come nel passato, l’appello è stato quello di esporre un lenzuolo dalle proprie case, come nel ’92 quando spontaneamente vennero giù migliaia di lenzuoli bianchi.

Scontro in Spagna sullo stato di emergenza: le opposizioni sfidano il Governo

Il Governo spagnolo rischia sul voto in Parlamento per l'estensione dello stato di emergenza per far fronte al Coronavirsus. Le opposizioni sono contrarie ed accusano Sanchez di deriva autoritaria. Arrivano in soccorso i responsabili.

Se il petrolio scende e la benzina no: il peso delle accise

Il coronavirus, tra i vari disastri, ha causato indirettamente anche il crollo del mercato del petrolio. Il prezzo del greggio è andato, per la prima volta nella storia, "sotto zero". Come mai il prezzo della benzina non cala? Perché i barili sono fermi in mare sopra le petroliere?