Una normalità rivisitata: le nuove abitudini

A cura di Irene Puma

“La denuncia obbligatoria e l’isolamento furono mantenuti; le case dei malati “dovevano essere chiuse e disinfettate, i congiunti sottoposti a una quarantena di sicurezza, i seppellimenti organizzati” …. Il dispaccio del prefetto diventa definitivo: “Si dichiari lo stato di peste. La città è chiusa”

Albert Camus, La Peste

Una normalità rivisitata: le nuove abitudini
Foto di Irene Puma

In queste settimane di quarantena (3 settimane, 21 giorni, e chissà quante ore) le esistenze di tutti sono state stravolte. Molti percepiscono di star vivendo con gli occhi chiusi, in attesa di svegliarsi e di riprendere la normalità delle proprie vite; delle volte si avverte una strana sensazione che ogni tanto bussa alla porta e si manifesta: la coscienza di una vita sospesa e di momenti dell’esistenza sprecati

I momenti di crisi costringono al cambiamento e l’uomo, si sa, va continuamente in crisi.

Foto di Irene Puma

I punti di rottura portano a reinventarsi e a creare nuovi equilibri, seppur in questa situazione temporanea e non definitiva. Infatti la vita va avanti lo stesso e ci costringe ad adattarci:

– si va a fare la spesa… benché con un nuovo accessorio sul viso;

– si fa la pizza in casa… categoricamente di sabato;

– si fa “sport”;

– si ripescano vecchie statue religiose a cui affidare la propria fede.

Foto di Irene Puma
Foto di Irene Puma
Foto di Irene Puma
Foto di Irene Puma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: