Home

Articoli recenti

Primum non nocere: Uno scorretto processo di guarigione

A marzo si parlava di rinascita della collettività, si sperava in una riscoperta di noi stessi e di una società capace di donare. Eravamo un’unica entità e come tale ci muovevamo, l’attenzione per il prossimo eguagliava l’attenzione per noi stessi. Ed, in effetti, sembrava che i margini della ferita, per quanto profonda, si stessero rimarginando correttamente e che la guarigione fosse prossima.

La testimonianza di una giovane infermiera da un reparto Covid in Sicilia

I DPI ostacolano, oltre che la fluidità dei nostri movimenti, anche la relazione che si instaura durante il processo di cura.
Ciononostante sentirsi chiamare per nome – anche se non lo abbiamo scritto sulla tuta – perché il paziente ha imparato a riconoscerci dallo sguardo o dalla voce, ripaga ogni goccia di sudore e ogni sacrificio fatto.

“L’Eucarestia: la mia autostrada verso il cielo”

Carlo Acutis il quindicenne dichiarato Beato da Papa Francesco. La sua vita non lascia indifferenti, che si abbia fede in Dio o nell’uomo. Guardiamo alla sua storia senza pregiudizi, ripercorrendo, altresì, il processo per il riconoscimento dello status di Beato

Ottieni i nuovi contenuti, spediti direttamente nella tua casella di posta.